Giusy Villa Silva

E’ nata a Castana (PV) nel 1945 e vive a Sarzana (SP). Figlia di scultore dell’Accademia di Brera, cresce in ambiente artistico e culturale. Ha iniziato a scrivere racconti e poesie dall’età di 13 anni. Intorno agli anni ’90 la sua poesia è permeata dal senso del divino e la sua ricerca (già dal 1983) sfocia e si placa nell’incontro con il Cristianesimo Avventista. Diplomata e abilitata all’insegnamento si è specializzata in lingue e letterature neo-latine ed è esperta di psico-pedagogia. Ha pubblicato: “Il suono della terra”;”Dove cantano i girasoli”; “Principessa”; “Sogno d’una sinfo-nia”; “Datemi un’arpa”; “Giardini di Giada”; “Khamsin”; “Donne giapponesi”; “Giovinezza”; “Racconti… sotto le stelle”; “Violet nel palazzo del Re” (scritto in collaborazione con altri autori). E’ membro del Consiglio direttivo del Cenacolo Accademico Europeo “Poeti nella Società” di Na-poli, di cui è anche Responsabile della Sezione periferica di Milano. Numerosi i premi e conferi-menti nazionali ed internazionali ottenuti. Nel 1999 la cittadinanza Varedese le ha conferito l’ambito riconoscimento di “Poetessa dell’anno”.
Nel maggio 2009 ha pubblicato “Sospiri di candidi steli” con il Cenacolo Poeti nella Società.
Nell'aprile 2014 ha pubblicato “I giorni dell'addio” con il Cenacolo Poeti nella Società.


Dal 27 Aprile 2014 sono 1811 le pagine viste del poeta. Pagine realizzate da Alessandro Paliotti